Somebody That I Used To Know: il tempo ci rende sconosciuti

Antonio Catara

Playlist

Somebody That I Used To Know: il tempo ci rende sconosciuti

Pubblicato il 13 marzo 2019

Somebody that I used to know è il pezzo più famoso del cantautore belga Gotye, in collaborazione con Kimbra.

Il pezzo si contraddistingue per il tono malinconico e struggente, che racconta un amore finito, del quale resta solo un ricordo.

Now and then I think of when we were together
Like when you said you felt so happy you could die
Told myself that you were right for me
But felt so lonely in your company
But that was love and it’s an ache I still remember

La prima strofa del pezzo racchiude il senso di solitudine che si può provare pur avendo al proprio fianco una persona amata. Per quanto si provi a convincere sé stessi che quella accanto a sé è la persona giusta, ci sarà sempre un senso di vuoto a provocare dolore.

You can get addicted to a certain kind of sadness
Like resignation to the end, always the end
So when we found that we could not make sense
Well you said that we would still be friends
But I’ll admit that I was glad it was over

Nella seconda strofa si racconta della fine dell’amore, o meglio della relazione. La sensazione che si prova è quasi di sollievo e ciò che resta è la promessa di rimanere amici.

But you didn’t have to cut me off
Make out like it never happened and that we were nothing
And I don’t even need your love
But you treat me like a stranger and that feels so rough
No, you didn’t have to stoop so low
Have your friends collect your records and then change your number
I guess that I don’t need that though
Now you’re just somebody that I used to know
Now you’re just somebody that I used to know
Now you’re just somebody that I used to know

Nel ritornello, però, scopriamo come invece tutto svanisca, come si inizi a vedere l’altra persona come un estraneo e come si cerchi di evitare qualunque contatto con essa. E così di tutto quello che c’è stato resta solo un ricordo e quella che un tempo era la persona amata diventa solo qualcuno che si conosceva in passato.

Now and then I think of all the times you screwed me over
But had me believing it was always something that I’d done
But I don’t wanna live that way
Reading into every word you say
You said that you could let it go
And I wouldn’t catch you hung up on somebody that you used to know

Se nelle prime strofe abbiamo visto un punto di vista maschile, nel testo cantato da Kimbra il tema principale è la distanza. Quel menefreghismo, anche involontario, che porta a trascurare qualcuno a cui teniamo. Dall’altra parte la sensazione è quella di essere, in qualche modo, la causa di questo allontanamento e così, cercando di leggere dentro l’altro, si capisce a poco a poco di non avere colpe e che la cosa migliore da fare e dire basta, restando solo, per citare una famosa tela di René Magritte, Amanti Sconosciuti.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa