Siamo solo umani, dopotutto

Sara Obici

Mondointeriore

Siamo solo umani, dopotutto

Sara Obici
Pubblicato il 24 dicembre 2018

Human di Rag’n’bone Man esprime un unico, potente e immortale messaggio di libertà, che si potrebbe riassumere con la celebre espressione “Let me be”. Questa canzone è un grido disperato, che coniuga l’urgenza di non essere giudicati con il diritto di poter davvero essere sè stessi, senza che nessuno abbia da ridire.

Purtroppo però, come tutti abbiamo avuto modo di realizzare in un modo o nell’altro, qualcuno troverà sempre e comunque qualcosa da ridire, a prescindere. Questo concetto viene tramandato a noi siciliani tramite il celebre proverbio “do sciccareddu, do vecchiu o do picciriddu”. Come molti di questi semplici e arcaici insegnamenti, anche questo detto contiene un’enorme dose di saggezza, e rivela un’immortale verità:
Non si può mai accontentare tutti, e non dovrebbe neanche essere il nostro obiettivo in primo luogo. Bisogna solo cercare di essere sè stessi, sempre nel rispetto degli altri ma senza sentirci in qualche modo limitati dal loro giudizio.

Quindi al diavolo chi si aspetta da noi qualcosa di troppo, o di troppo poco. Al diavolo chi chiede la nostra opinione sincera e poi quando diciamo qualcosa che non gli piace esige delle scuse. Al diavolo chi ci giudica e ci deride.

Don’t ask my opinion
Don’t ask me to lie
Then beg for forgiveness 
For making you cry

Siamo solo umani, dopotutto. Non possediamo tutte le risposte, commettiamo errori e non siamo perfetti, ma siamo esseri umani, e dopotutto è bello pensare che facciamo sempre del nostro meglio, nonostante tutti i nostri limiti.

I’m only human 
I do what I can
I’m just a man 
I do what I can
Don’t put the blame on me
Don’t put your blame on me

 

E invece, a coloro che si ergono a giudici degli altri, e si permettono di apostrofarli con le loro parole piene di astio, ecco, questa canzone lascia a loro il seguente messaggio: fatevi un esame di coscienza e poi bocciatevi.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa