Sei un essere umano positivo, negativo o indifferente? Fai il nostro test

Sara Obici

Mondointeriore

Sei un essere umano positivo, negativo o indifferente? Fai il nostro test

Sei un essere umano positivo, negativo o indifferente? Fai il nostro test
Sara Obici
Pubblicato il 12 luglio 2019

Il nostro pianeta è popolato quasi prevalentemente da tre categorie di persone. Quelle che per la maggior parte del proprio tempo riversano sul mondo la propria negatività, quelle che si sforzano di fare la stessa cosa con la propria positività e la propria energia, e infine gli indifferenti e gli apatici dell’esistenza.

Lo so, ognuno di noi si alterna spessissimo in questi ruoli nel corso della vita, o anche della stessa giornata; ma guardiamoci in faccia: quasi tutti alla fine ci fossilizziamo per la maggior parte del tempo – in percentuale – su uno dei tre. Quale? In cuor vostro lo sapete sicuramente, ma abbiamo creato un test per aiutarvi ad ammetterlo.

Otto domande, ognuna con tre possibili opzioni di risposta. Seguite il vostro istinto, e segnatevi il numero di “A, B o C” che sceglierete di volta in volta. E mi raccomando, non sbirciate i risultati finali 😉

Domande

1) State uscendo da un negozio, e la persona davanti a voi se ne accorge e aspetta un attimo per tenervi la porta aperta. Voi:
A) non ci fate assolutamente caso, state pensando ai fatti vostri
B) notate questo fatto e ringraziate, è una cosa rara da vedere
C) lo guardate di traverso, come mai tuttu stu spinnu? vorrà qualcosa?

2)  Un numero di telefono sconosciuto vi chiama. Avete la certezza quasi matematica che sia una “televendita”. Voi:
A) Non rispondete, così come fate sempre quando vedete sullo schermo un numero sconosciuto.
B) Rispondete, perchè è quello che fate quasi sempre quando potete. Se sarà un call center pazienza, direte semplicemente “no grazie, non mi interessa, non le faccio perdere tempo”
C) Rispondete imprecando e mandando a fanculo la persona dall’altra parte della cornetta. Va bene che stanno lavorando, ma devono smetterla di seccarvi.

3) State passeggiando per un sentiero del villaggio turistico dove siete in vacanza, e vedete un portafoglio per terra. Voi:
A) Lo ignorate, non è vostro
B) Lo portate alla reception, è la cosa migliore perchè l’unico modo per poter rintracciare il proprietario in maniera appropriata
C) Ci guardate dentro, e magari prendete anche qualche contante. Non per male, ma peggio per loro che lo hanno perso, chi trova tiene.

4) Siete da Ernesto una domenica sera, avete ordinato ma il cibo tarda ad arrivare. Voi:
A) Rosicate, ma non osate dire nulla.
B) Capite la situazione. Sapete che stanno facendo del loro meglio, non vi dispiacete per nulla e cogliete l’occasione per parlare con chi vi accompagna
C) Rosicate, e lo fate presente ai camerieri in occasione possibile. Magari quando arriva il cibo fate anche un pensierino se andarvene senza pagare, così, per punizione.

5) State facendo benzina con il self, e la persona accanto a voi vi chiede una mano. Voi:
A) Fate finta di non sentire
B) Lo aiutate, pensate sia ridicolo nel 2019 chiedere una cosa del genere, sorridete all’idea ma spendete 2 minuti in più.
C) Pensate sia ridicolo chiedere aiuto per una cosa del genere nel 2019, e rispondete con una risposta sarcastica “sti vecchi/fimmini/incapaci ca non sanu fari nenti”.

6) Siete in spiaggia, qualcuno manca di rispetto ad uno dei venditori ambulanti. Voi:
A) Non dite niente per evitare guai
B) Intervenite per difenderlo
C) Intervente nella discussione per dar man forte a chi lo insulta. Non siete razzisti, ma le cose giuste si devono dire

7) Una vostra collega/conoscente/compagna di scuola viene presa di mira da commenti inopportuni. Voi:
A) Non dite nulla, se la deve sbrigare da sola, voi non centrate nulla.
B) Dite a chi la “sconcica” di lasciare stare, e la fermate per scusarvi a nome loro.
C) Vi unite a loro. Alla fine un fischio o un complimento non hanno mai fatto male a nessuno, giusto?

8) I vostri amici stanno parlando di politica, e vi accorgete di avere un’opinione opposta rispetto a quella di tutti gli altri.
A) Non lo dite, alla fine che motivo c’è di creare polemica
B) Dite la vostra opinione in maniera serena, incoraggiando un dibattito costruttivo
C) Dite la vostra opinione come se fosse l’unica ritenuta possibile, e in maniera arrogante chiudete la porta a qualsiasi dialogo

Risultati del Test

  • Maggioranza di A: Siete ufficialmente apatici. Così come chi non vota, avete perso il diritto di aver voce in capitolo sulle questioni più importanti. In quanto spettatori non paganti della vita, complici e innocenti di tutto e di niente, vivi e al tempo stesso morti paradossi terreni, non fate poi molto testo. Cercate di darvi una svegliata, perchè ok, non farete danno tanto quanto “i negativi”, ma sicuramente non state migliorando nè la vostra situazione, nè quella degli altri.
  • Maggioranza di B: Siete delle persone positive. Nonostante i vostri problemi, la stanchezza e le battaglie di tutti i giorni, vi sforzate comunque di rendere il mondo un posto migliore. Anche quando la voglia di essere quantomeno sgarbati vi passa per la mente, non vi arrendete mai, e fate sempre del vostro meglio. Lasciate i posti dove siete stati meglio di come li avete trovati, e anche le persone con le quali interagite traggono beneficio dalla vostra presenza. Continuate così, non sarete famosi, non creerete flames, ma siete la vera speranza per tutti.
  • Maggioranza di C: Siete delle persone negative. Non date un freno alla vostra rabbia, e la riversate su tutto e tutti. Siete convinti di essere nel giusto, e nella vostra testa lo siete davvero, ma non siete capaci di fare un passo indietro e capire che anche gli altri hanno le loro ragioni, e che spesso nella vita i conflitti si creano proprio per questo, per la concomitanza di esigenze diverse. Bisognerebbe vedere le cose da una prospettiva più alta, e tirarsi indietro quando non è strettamente necessario. Ricordate, la vostra visione del mondo non è l’unica possibile.

Conclusioni

Come avrete sicuramente capito, questo test è semplicemente una provocazione. Non è stato creato con lo scopo di puntare il dito contro qualcuno, ma rappresenta solo uno spunto, un punto di partenza per una riflessione su queste tematiche. In sostanza, è stato fatto per dire: “Facciamoci tutti un esame di coscienza, e poi bocciamoci, che fa sempre bene”.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa