“Se oggi siamo qui…”: cronaca di un decennio storico

Antonio Catara

Mondointeriore

“Se oggi siamo qui…”: cronaca di un decennio storico

“Se oggi siamo qui…”: cronaca di un decennio storico
Pubblicato il 31 dicembre 2019

31 Dicembre 2019: finisce un anno, finisce un decennio. Questa sera, scoccata la mezzanotte, potremo dire di aver dato agli archivi dieci anni della nostra vita, forse senza renderci conto degli eventi storici che ci hanno avuti per testimoni.

Se oggi siamo qui, possiamo dire di aver visto i primi mondiali di calcio organizzati dalla FIFA in un paese africano, il Sudafrica, ma anche la disperazione e i morti dei terremoti di Haiti e del Cile e lo scandalo di WikiLeaks. Possiamo dire di aver visto la morte di personaggi storici, in bene e in male, come Steve Jobs e Osama Bin Laden e la nostra Repubblica compiere 150 anni di storia.

Se oggi siamo qui, allora abbiamo vissuto il dramma del naufragio della Costa Concordia e abbiamo vissuto la scomparsa di un grande cantautore come Lucio Dalla e di un grande premio Nobel come Rita Levi Montalcini. Abbiamo anche visto la trentesima edizione delle Olimpiadi a Londra, proprio nello stesso anno in cui la Regina Elisabetta ha festeggiato sessant’anni sul trono del Regno Unito. Siamo sopravvissuti ad una Fine del Mondo, abbiamo avuto una Chiesa Cattolica e due Papi in vita, abbiamo avuto paura per una malattia tremenda come l’Ebola e sgomento per gli attacchi terroristici che hanno colpito la Francia.

Se oggi siamo qui abbiamo visto Milano diventare la città dell’Expo e i cittadini inglesi chiedere a gran voce la Brexit, abbiamo seguito con il cuore in mano il dolore dei cittadini di Amatrice e abbiamo detto “NO” ad un Referendum Costituzionale di portata storica, abbiamo assistito alla nascita dell’ISIS e alla nostra Nazionale di calcio fuori dai mondiali dopo sessant’anni dall’ultima volta.

Se oggi siamo qui abbiamo guardato attoniti il crollo del Ponte Morandi, Venezia sommersa dall’acqua e la Cattedrale di Notre-Dame de Paris in fiamme, ma abbiamo anche smosso le nostre coscienze, capendo quanto il nostro pianeta sia importante.

Se oggi siamo qui, signore e signori, ne abbiamo davvero viste di tutti i colori, eppure, in un mondo che guarda sempre più al futuro, che vive freneticamente, che non si ferma mai davanti a niente e a nessuno, è lecito pensare che il meglio debba ancora venire. Allacciate le cinture e tenetevi forte, il 2020 sarà l’inizio di una nuova Era.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa