Polaroid: la macchina fotografica assassina non riesce a soddisfare il pubblico

Francesco Lattanzio

Cinema

Polaroid: la macchina fotografica assassina non riesce a soddisfare il pubblico

Francesco Lattanzio
Pubblicato il 18 giugno 2019

Una vecchia macchina fotografica con un’unica ‘dote’ distintiva, quella di uccidere tutti coloro che decidono di farsi scattare una foto. Che dire, una trama molto risicata e banale, che non lascia spazio a possibili interpretazioni da parte del pubblico.

Senza alcun impegno, Polaroid porta avanti la classica tradizione di un film horror per adolescenti, in stile Obbligo o verità (2017) e B-Devil (2016). La recitazione lascia a desiderare e la storia in sé è molto superficiale, impedendo così di stringere un legame ed un interesse da parte dello spettatore per i personaggi.

Non assistiamo ad uno sviluppo di trama concreto e non assistiamo a nessuna evoluzione reale da parte dei personaggi: solamente è presente un’accozzaglia di eventi che dovrebbero, in teoria, spaventarci.

Finale estremamente prevedibile, accompagnato da una narrazione che, in alcune situazioni in particolare, scivola rumorosamente nel trash: le spiegazioni finali del fenomeno assassino della macchina non sono per niente soddisfacenti, e, soprattutto, non spiegano e non giustificano determinate coincidenze o causalità all’interno della pellicola.

Distribuito nelle sale cinematografiche italiane dal 6 giugno 2019: il film sarebbe dovuto uscire nel dicembre 2017 in USA, ma a causa di vari problemi e ritardi, è stato distribuito il 22 novembre del 2017. In Italia la prima data di uscita era fissata per il 30 novembre 2017, per poi venire cancellata e bloccata per un anno, fino alla sua distruzione ufficiale nel 2019.

Che dire, in sintesi, con Polaroid non ci troviamo dinanzi a nulla di significante per la storia del genere horror: anzi, in questo caso credo che ci si trovi dinanzi ad un impoverimento del genere cinematografico in questione.
Assolutamente sconsigliato, soprattutto per gli amanti del genere.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa