La tutela delle minoranze è un nostro dovere: questo video mostra il motivo

Paolo Francesco Reitano

Cinema

La tutela delle minoranze è un nostro dovere: questo video mostra il motivo

La tutela delle minoranze è un nostro dovere: questo video mostra il motivo
Paolo Francesco Reitano
Pubblicato il 21 giugno 2019

Tratto dal film “Don’t be a sucker” (traduzione letterale: “non essere stupido”), film statunitense prodotto nel 1943 come manifesto di propaganda antifascista, il video che vi alleghiamo ci insegna parecchio riguardo alcune dinamiche della discriminazione.

Siamo negli Stati Uniti quando, in pubblica piazza, un uomo attira l’attenzione dei passanti, con la bandiera americana con sé.

Afferma con forza di sapere chi siano i nemici della patria: sembra sicuro delle sue argomentazioni e il piccolo pubblico si infoltisce.

Dice a gran voce che, l’America, non sarà “loro” finché non sarà “senza”.

Senza neri, senza massoni, senza cattolici, senza immigrati clandestini.

A questo discorso, un giovane agricoltore ben vestito mostra un certo interesse, al punto che, un ex professore universitario nato in Ungheria, prova a spiegargli le conseguenze di questi ideali di odio.

Condividerlo, ancora oggi, è un segno di civiltà e di riconoscimento della legittimazione delle minoranze, che compongono il quadro della nostra società e che vanno tutelate, nel rispetto della altrui natura.

 


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa