La radio: molto più di un mezzo di comunicazione

Antonio Catara

Oggi come ieri

La radio: molto più di un mezzo di comunicazione

La radio: molto più di un mezzo di comunicazione
Pubblicato il 13 febbraio 2019

La Radio: uno dei mezzi di comunicazione più potenti ed efficaci mai creati dall’uomo. Capace di catturare l’attenzione delle persone solamente attraverso la musica e le voci degli speaker.

Nata grazie alle geniali intuizioni del fisico italiano Guglielmo Marconi e dell’austriaco Nikola Tesla, che sperimentarono sulle onde di propagazione sonora sin dal 1893, la prima vera trasmissione su onde avvenne nel 1920 in Inghilterra, dove nacque quella che tutt’oggi è la stazione radiofonica più antica del mondo: la BBC.

Nonostante l’avvento della televisione e, in tempi più recenti, dei social network, la radio continua ad esercitare un fascino misterioso ed ineguagliabile su chiunque l’ascolti. Questo mass media garantisce svago, divertimento e leggerezza, ma diventa ancor più incisivo quando serve per veicolare messaggi sociali e di speranza. Basti pensare, ad esempio, a Radio Aut, oggi Radio Cento Passi, fondata da Peppino Impastato nella sua Terrasini. Grazie a questa stazione, il giornalista palermitano potè denunciare numerosi abusi e soprusi della mafia locale. E, vista la fine che hanno fatto fare a Peppino, forse questo tipo di comunicazione può davvero essere il mezzo per combattere le ingiustizie.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa