Global Startup Weekend: c’è una siciliana sul podio italiano!

Simone Dei Pieri

Hi-tech

Global Startup Weekend: c’è una siciliana sul podio italiano!

Global Startup Weekend: c’è una siciliana sul podio italiano!
Pubblicato il 24 aprile 2020

Durante una quarantena è difficile concentrarsi, i livelli di stress sono alle stelle e trovare qualcosa su cui concentrarsi può essere una soluzione efficace: c’è chi legge, c’è chi guarda intere serie TV. E c’è chi fonda startup.

Vi avevamo già parlato appena una settimana fa dell’edizione Global e Online di Startup Weekend, il format Techstars volto a lanciare nuove idee imprenditoriali ed a supportarle attraverso una serie di eventi in tutto il mondo. Sarebbe bastato questo per supportare l’iniziativa, ma ecco una buona notizia: nel 3° team classificato una siciliana, Erica Todaro.

Studentessa presso il Dipartimento di Economia ed Impresa dell’Università di Catania (Corso di Direzione Aziendale), Erica è stata infatti selezionata con il team di cui fa parte per passare alla fase globale dell’evento.

Il team di Your Stylish Cover Mask è composto anche dal giovanissimo Lorenzo Golino, da Marco Russo, da Maurizio Gullotti e da Federica Arsieni, pugliese e già studentessa di Management alla Bocconi, che aveva già pensato in passato a come poter affrontare in maniera efficace smog e polveri sottili.

 

L’idea di Your Stylish Cover Mask

L’idea dietro YSCM è tanto semplice quanto efficace ed attuale: realizzare cover personalizzate da applicare alle mascherine. “Abbiamo pensato soprattutto ai bambini, che in un momento del genere si vedono costretti ad indossare mascherine ma lo fanno con fastidio, anche perché asettiche e poco colorate”.

Di contro però, vanno incontro alle famiglie che devono soltanto cambiare la mascherina inutilizzabile, senza dover di volta in volta ricomprare la cover esterna, lavabile e disinfettabile.

“L’idea è in realtà nata da Federica -ci spiega Erica- che aveva pensato negli scorsi mesi ad un modo per attutire i rischi da smog e polveri sottili. Poi è successo quello che è successo…”

Sì, perché nonostante l’epidemia di COVID-19, il team di startupper ha ripensato all’idea in chiave ‘virus’ e l’obbligo di indossare le mascherine. “Alle persone non va di indossare mascherine asettiche, che magari ricordano i reparti ospedalieri. Immaginiamo se si tratta dei bambini!”

Il Global Startup Weekend è stata quindi l’occasione giusta per ripensare l’idea e per lanciarla, allontanandosi dal concetto di ‘malattia’ e personalizzando le mascherine.

Ma Erica aveva già partecipato all’organizzazione di Startup Weekend proprio nella “sua” Catania. “A differenza degli altri SWE, i ritmi sono stati diversi. Nonostante sapessi come si svolge un evento del genere, viverlo da partecipante è una bella emozione, con ritmi molto diversi.”

Una bella emozione sarà anche partecipare alla finale globale con startupper da ogni parte del mondo.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa