“Fermenti”, 100.000 euro a progetto per far lievitare l’Italia

Marta Pulvirenti

News&Politics

“Fermenti”, 100.000 euro a progetto per far lievitare l’Italia

“Fermenti”, 100.000 euro a progetto per far lievitare l’Italia
Pubblicato il 7 maggio 2019

Vi sarà capitato, almeno una volta nella vita, di avere un’idea, un progetto. Di aver cominciato a stilare gli step, di aver contattato amici e possibili partner. L’idea prende corpo, siete soddisfatti, ma di aver poi pensato: “Sì, ok, ma i soldi dove li prendiamo?”. Oggi c’è una possibilità per rendere reali queste idee! Si chiama “FERMENTI”, ed è un bando del Ministero per le Politiche Giovanili che mette a disposizione un massimo di 100.000 euro afondo perduto per le vostre idee progettuali.

“FERMENTI” punta direttamente a noi giovani, chiedendoci di essere protagonisti del futuro, e favorendo la partecipazione attiva alla vita economica, sociale e culturale del Paese.

“FERMENTI” mette a disposizione un finanziamento complessivo di 16 milioni di euro a fondo perduto, rivolto esclusivamente a gruppi composti da un minimo di tre ad un massimo di cinque giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Oltre che di “Associazioni temporanee di scopo” (ATS).

L’obiettivo principale del progetto è quello di favorire la sinergia e la coesione dei giovani: il Ministero vuole e ci chiede di esprimere le nostre capacità, trasformando le “idee” in “valore” per la collettività.
Proprio come avviene in un processo di fermentazione, che liberando energie trasforma la materia!

Senza mai dimenticare l’ispirazione ai tre principi “ collegare, mobilitare, responsabilizzare”, il bando “FERMENTI” chiede espressamente di proporre idee e sviluppare progetti che esplorino le sfide sociali fondamentali per le nuove generazioni, dando soluzioni ai problemi comuni della collettività.

In particolare, vengono individuate cinque sfide sociali fondamentali per le quali i “protagonisti del futuro” debbano realizzare i progetti:

  • Uguaglianza per tutti i generi
  • Inclusione e partecipazione
  • Formazione e cultura
  • Spazi, ambiente e territorio
  • Autonomia, welfare, benessere e salute

L’insieme di queste cinque sfide sociali esprime la necessità di accrescere la nostra partecipazione attiva nella vita del Paese, coinvolgendo, ad esempio, le minoranze della società oppure preservando l’ambiente e valorizzando il territorio mediante interventi di riqualificazione urbana o ,ancora, contrastando le dipendenze giovanili dalla droga e dall’alcool.

I dettagli delle sfide sociali cui i progetti debbano ispirarsi, sono ampiamente trattati nel bando pubblicato sul sito www.fermenti.gov.it, cui vi rimandiamo.

Una novità rilevante del bando è sicuramente la disponibilità a titolo gratuito di servizi di accelerazione, gestiti da esperti che accompagneranno i gruppi di giovani nel processo di elaborazione e realizzazione dei progetti.

Per partecipare è necessario presentare domanda ed inviarla, entro le ore 14 del 3 giugno 2019, all’indirizzo Pec giovani.serviziocivile@pec.governo.it.

 


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa