Cocciu d’amuri: la poesia è siciliana con Lello Analfino

Corrada Cannella

Music

Cocciu d’amuri: la poesia è siciliana con Lello Analfino

Corrada Cannella
Pubblicato il 11 gennaio 2019

“Affaccia beddra e senti sta canzuni
la cantu sulu a tia cocciu d amuri
lu sangu mi fa vuddriri nte vini
se nun ti vio mi veni di muriri”

Inizia così il brano di Lello Analfino. Anche se dire brano è riduttivo, già, perché prima di essere canzone, “Cocciu d’amuri” è una poesia. Il testo è da brividi, la melodia ricorda quella di una ninna nanna, dolce e delicata. La voce sembra cullare le parole, il cuore vibra un’emozione strana che sembra andare a tempo con le note. La sensazione è quella di stare in un altro mondo. Ci si sente naufraghi in un mare di parole mentre le onde ci percuotono e ci assalgono, scuotono l’anima, si rubano il cuore.

“vitti nte locchi toi du stiddri
ca luci nu mmezzo e capiddri
fila di ferro e zuccaro
la facci una bannera
unni ci batti u suli, suli di primavera”

L’artista canta la sua donna in modo estremamente romantico. Nei suoi occhi ci vede le stelle, i capelli sono fili di ferro e zucchero, la faccia una bandiera dove ci batte il sole, sole di primavera. Analfino canta l’estasi provocata dall’amore, la perdizione dei sensi, lo smarrimento dell’animo dinanzi al sentimento.

“pi mia tu sia na Dia Sicana
ca quannu arridi u tempo acchiana
io vegnu a ppresso a ttia
fiuri di poisia
ca fa puisiari u munnu sano
Io vegnu appresso a tia
fiuri di puisia
ca fa puisiari u munnu sanu”

Lei è una dea siciliana. Ogni volta che ride il tempo pare sorridere al mondo e il cielo diventa sereno. Così il cantante le vuol stare sempre vicino. La sua presenza lo rende poeta perché lei stessa è poesia. Il testo è a dir poco emozionante, le parole non bastano a spiegare l’emozione. L’eccellenza è siciliana. L’eccellenza è Lello Analfino.


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa