CNSU, ma non dovevamo vederci più? E dove sono i risultati?

Sara Obici

CNSU, ma non dovevamo vederci più? E dove sono i risultati?

CNSU, ma non dovevamo vederci più? E dove sono i risultati?
Sara Obici
Pubblicato il 28 maggio 2019

E rieccoci a parlare di CNSU. Lo sappiamo, sembrava strano che, dopo avervi “stonato la testa” per settimane, non avessimo ancora pubblicato un articolo con i risultati. Ma ormai dovreste conoscerci, era impossibile che ce ne fossimo dimenticati. E allora cos’è successo?

Il fatto è che i risultati definitivi ancora non ci sono!  Trattandosi di un’elezione ministeriale ci vuole parecchio tempo per avere dei dati certi; basti pensare che fin ora, a 13 giorni dalla conclusione del voto, abbiamo solo una “proiezione” parziale della situazione nazionale! Roba che se avessimo dovuto fare la “maratona in stile Mentana” a quest’ora saremmo schiattati di inedia da un pezzo.

A parte gli scherzi, nell’esatto momento in cui state leggendo questo articolo, la Commissione Elettorale Centrale si riunendo, presso la sede ufficiale del MIUR a Roma, per definire i risultati a livello nazionale. Questa riunione durerà oggi, domani e dopodomani, e ci chiarirà parecchio le idee. Ma nel frattempo ci chiediamo, cosa sappiamo allo stato attuale? Abbiamo dei dati certi sulla Sicilia e su Catania, e se si quali sono?

Risultati di Catania

Abbiamo fatto delle ricerche, e da quanto risulta dal sito del nostro Ateneo, la situazione catanese è la seguente:
Confederazione degli Studenti prima lista con 2465 voti, seguita da Azione Universitaria con 2310 e Studenti per le Libertà – Studenti Uniti con 1611.
I rappresentanti più votati sono stati: Alessandro Todero (Confederazione degli Studenti) con 1940 preferenze, seguito a ruota da Antonio Cirino (Azione Universitaria) con 1674 voti e Carlo Cristofaro (Studenti per le Libertà – Studenti Uniti) con 1391.

Rilevante anche il dato dell’affluenza: presso i 24 seggi dell’ateno di Catania hanno votato ben 9954 studenti; il 24% del totale di tutti gli iscritti (41417). Occhio perchè questi numeri, nonostante siano ufficiali e precisi, non tengono conto degli altri voti del collegio sud. Questo fatto, unito all’incertezza e al mancato computo totale dei voti, lasciano spazio per possibili sorprese. In che senso? Scopriamolo nel prossimo paragrafo.

Dati “globali” e Sentenze in bilico

Dei 28 studenti universitari italiani, appartenenti ai più disparati corsi triennali e specialistici, che comporranno il CNSU probabilmente due saranno Siciliani, ma non certo Catanesi. Difatti un seggio dovrebbe esserselo aggiudicata Alessandra Rundo Sotera (Azione Universitaria) dell’Università di Messina; e l’altro dovrebbe essere andato ad un candidato della lista UDU – Unione degli Universitari presso l’Università di Palermo.

Ribadiamo, usiamo il condizionale e siamo abbastanza vaghi perchè avremo maggiori informazioni solo dopo le riunioni della Commissione al MIUR, in seguito alle quali ci saranno le proclamazioni ufficiali e i dati definitivi.

Sul territorio Nazionale le liste più votate sono:
UDU – Unione degli Studenti Universitari con circa 38mila voti, seguito da Confederazione degli Studenti con circa 10mila voti di scarto.

Infine una delle incertezze più rilevanti sta nel seggio conteso tra le liste Confederazioni degli Studenti e Studenti per le Libertà, che potrebbe essere assegnato – ad Alessandro Todero o ad Ilaria Langellotti – con uno scarto inferiore a 200 voti. Staremo a vedere, non appena avremo tutte le informazioni sarete i primi a saperlo 😉


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa