Basta un social down per far impazzire il mondo

Sofia Caramitti

News&Politics

Basta un social down per far impazzire il mondo

Basta un social down per far impazzire il mondo
Sofia Caramitti
Pubblicato il 14 marzo 2019

Quando Mark Zuckerberg non c’è il popolo di Twitter balla:

Ore di panico per YouTuber, fashion blogger e personaggi pubblici: il social down si sta abbattendo su Whatsapp, Instagram e Facebook impedendone il corretto funzionamento su tutto lo stivale.

Il disservizio segnalato dall’utenza sembrerebbe essere perlopiù dovuto ai ritardi nella pubblicazione dei post su Facebook e soprattutto all’impossibile invio di immagini ed audio su Whatsapp.

In seguito al social down di Instagram, Facebook e WhatsApp il popolo social in alternativa si è animatamente sfogato su Twitter, unico superstite all’acquisto da parte Zuckerberg:

È stata proprio l’incerta funzionalità dei social network ad aver illuso tantissimi utenti che hanno testardamente aggiornato la home maledicendo la propria Wi-fi ”troppo lenta”.

Al momento Facebook rassicura il pubblico escludendo in ogni modo l’idea che dietro al social down ci sia un attacco informatico ai propri danni.

Il malfunzionamento sembrerebbe perciò essere un tentativo per potenziare l’interconnessione tra le piattaforme affinché i diversi servizi diventino sempre più interdipendenti.

D’altronde Instagram, WhatsApp e Facebook, diversi per contenuti e funzioni sono pur sempre figli di un unico genitore chiamato Mark Zuckerberg.

Un genitore speciale perché le decisioni di papà Zuckerberg non rimangono in famiglia ma hanno conseguenze planetarie. Non c’è quindi da stupirsi se basta un social down per far impazzire il mondo.

 


Copyright © anno 2018 - SudLife
Direttore Lucia Murabito
Direttore Editoriale Pierluigi Di Rosa